Mese di Maggio: riscopriamo la gioia e la bellezza di stare con Maria! - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
1067
post-template-default,single,single-post,postid-1067,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Mese di Maggio: riscopriamo la gioia e la bellezza di stare con Maria!

Mese di Maggio: riscopriamo la gioia e la bellezza di stare con Maria.

di Don Marco Scandelli

Direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano

Apparso sul Montefeltro di Maggio 2017

Il mese di Maggio

Il mese di Maggio è un mese straordinario. Immersi totalmente nella luce di Pasqua, è la celebrazione delle festività religiose (Domenica del Buon Pastore, Ascensione, l’attesa della Pentecoste, le feste patronali), come anche dei Sacramenti (battesimi, cresime, prime confessioni e comunioni, anche matrimoni) che permette a ciascuno di riscoprire la gioia e la bellezza di appartenere alla Chiesa, una comunità viva nella storia. Ma soprattutto, il mese di Maggio è un tempo consacrato a Maria: perché dove c’è bellezza e gioia c’è sempre la Madre del Signore!

La tradizione

Le tradizioni, lo sappiamo bene, vivono solo se chi le riceve le comunica alla generazione successiva. Noi che cosa vogliamo fare di tutto quello che è ci è stato trasmesso quando eravamo piccoli? Il mese di Maggio, infatti, una volta era il mese del Rosario tutte le sere in Chiesa, dei concerti in onore della Vergine Santa, dei mazzetti di fiori portati alla statua di Maria. Ed oggi? Non possiamo dare la colpa ai più piccoli: che cosa ne sanno loro di cosa sia il “mese di Maggio” se non siamo noi a spiegarglielo? Anzi, se non siamo noi a riviverlo anche oggi? Inoltre, il prossimo 13 maggio vivremo la Consacrazione di tutta la Diocesi al Cuore Immacolato di Maria, nel centesimo anniversario delle apparizioni di Fatima. Non possiamo lasciarci scappare questa occasione preziosa.

Alcune proposte

Le proposte che vorremmo fare a tutti i catechisti ed educatori, per quest’anno, sono dunque molto precise.

  1. Fare di tutto per partecipare insieme al Vescovo e ai nostri Parroci alla Consacrazione presso il santuario del Cuore Immacolato di Maria a Valdragone, sabato 13 maggio. Organizziamoci per tempo, mandando gli avvisi a casa a tutti i genitori, magari anche coinvolgendo gli adulti perché mettano a disposizione le proprie auto.
  2. Presentare ai nostri bambini e ragazzi la figura di Maria. Sospendiamo per un attimo il nostro “calendario” e inseriamo, se già non l’abbiamo fatto, degli incontri specifici per parlare di questa straordinaria donna. Nei Vangeli è spesso presente. Seppure in silenzio, è la sua vita, i suoi atteggiamenti, le sue scelte che parlano e ci dicono come stare di fronte a Gesù. Nei quattro incontri mensili di Maggio, perché non ipotizzare di parlare di Maria a partire da questi episodi? L’Annunciazione – La Via Crucis – La Pentecoste – L’Apocalisse.
  3. Proporre un gesto concreto di “omaggio” alla nostra Madre del Cielo. Ad ogni bambino e ragazzo si potrebbe chiedere di pensare a un dono da fare alla Madonna. Potrebbe essere un disegno, con le tecniche più diverse, o una poesia. Perché non una canzone o anche un piccolo video? La fantasia non ci manca di certo. Sfruttiamo i carismi che Dio ci ha dato!
  4. Riscoprire il “mese di Maggio” con la recita del Rosario. Cerchiamo di coinvolgere i ragazzi nella recita di questa antica preghiera. Confrontandoci con i nostri Parroci, cerchiamo di trovare soluzioni adatte affinché i ragazzi siano meno determinati dalla stanchezza o dalla noia.
  5. Provare ad organizzare un “Concerto mariano”. Ogni Parrocchia della nostra Diocesi fortunatamente ha il dono di avere un coro: piccolo o grande che sia, perché non raccogliere tutti i canti di Maria che si conoscono, per proporli alla Comunità, magari seguendo un tema specifico e con l’aiuto di immagini o testi che trasmettano gioia e bellezza?

Buon “mese di Maggio” a tutti! E buon cammino verso il Signore, alla scuola di Maria.

No Comments

Post A Comment