Per meglio vivere la Pasqua - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
930
post-template-default,single,single-post,postid-930,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Per meglio vivere la Pasqua

Per meglio vivere la Pasqua

Giubileo Parrocchiale – 16 aprile 2017

Tanti auguri di Buona Pasqua!

Potrebbero apparire auguri scontanti, di circostanza. Ma, particolarmente in quest’Anno Giubilare, gli auguri di Pasqua esprimono il desiderio mio, in quanto Parroco, perché ciascuno di noi faccia nuovi santi! “Ma i santi non li fa il Papa”? – potrebbe dire qualcuno… certo, il Papa li canonizza; ma noi, attraverso le preghiere giubilari e il pentimento, possiamo fare un nuovo santo ogni giorno. La domanda che mi verrebbe da fare a ciascuno, allora, è: “Ma quanti santi hai già fatto, tu, quest’anno”? Quante volte hai lucrato l’indulgenza? Per quante persone di sei fatto carico di pregare perché entrassero in Paradiso?

Siamo a circa metà del nostro Anno Giubilare: siamo ancora in tempo per fare tanti altri santi. In questi mesi possiamo avere la pressoché totale certezza che tutte le persone per le quali abbiamo celebrato il Funerale in Parrocchia siano già in cielo, cioè siano già sante!

Ma c’è un particolare tipo di santo che ha bisogno di più tempo per essere “fatto”: sei tu! La santità è un dono di Dio che tu ed io possiamo accogliere o rifiutare. La accogliamo tutte le volte che seguiamo Gesù, anche quando magari questo implica “bere il calice amaro” della sconfitta, dell’umiliazione, del dolore, della malattia, del male, del peccato altrui. La santità non coincide con la assenza di peccato, ma si costruisce giorno dopo giorno come si costruisce passo dopo passo una grande storia di amicizia e amore.

Gesù è entrato nel mondo ed ha assunto la nostra carne umana per farci comprendere che la santità non è la “purità”, ma è l’amicizia con Lui. Si diventa suoi amici in tanti modi, ma la partecipazione alla vita della Chiesa con slancio e positività ne è condizione imprescindibile. Allora, rimbocchiamoci le maniche: la Pasqua non è la fine di un cammino, ma il vero inizio del cammino di santità personale nella scoperta che Gesù è presente ora ed ha bisogno della tua positività, non delle tue lamentele!

Ricordiamoci, in questi giorni, di farci santi e di fare tanti santi. L’Anno Giubilare ci è stato donato apposta!

 

No Comments

Post A Comment