Per meglio fare la Comunione 3 - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
881
post-template-default,single,single-post,postid-881,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Per meglio fare la Comunione 3

Per meglio fare la Comunione 3

Giubileo Parrocchiale – 26 marzo 2017

Per poter ricevere l’Eucaristia è importante essere in “stato di grazia” e questo si raggiunge solo quando tra noi e Dio vi è vera comunione d’amore. Per questo motivo è importante chiedere perdono di tutti i propri peccati, anche dei più piccoli. Non è per un moralismo o per un “puritanesimo”. È solo perché non ci si può avvicinare a Dio senza almeno il desiderio di essere da Lui abbracciati, purificati, redenti.

Dopo la Confessione, necessaria ogni volta che abbiamo commesso un peccato mortale e da compiere almeno una volta all’anno, potremmo essere caduti nei cosiddetti “peccati veniali”. Questi peccati indeboliscono la nostra capacità di amare noi stessi, gli altri e Dio e mettono in luce il nostro orientamento sbagliato verso i beni, fino a farlo diventare una sorta di “idolo” per la nostra vita. E quando il peccato veniale è deliberato e rimane senza pentimento, ci dispone a poco a poco a commettere il peccato mortale. Tuttavia essi non vanno contro l’amore di Dio e del prossimo e dunque ci sono perdonati anche al di fuori della Confessione ogni volta che diciamo l’Atto di dolore (la sera prima di dormire o anche durante la giornata), compiamo un gesto di carità.

Oggi, durante l’Atto penitenziale della Messa, chiedi perdono a Dio anche del più apparentemente piccolo ed insignificante peccato e ripeti al Signore, mentre fai la fila per ricevere l’Eucarestia, il tuo desiderio di essere da Lui amato e giustificato.

No Comments

Post A Comment