Per meglio confessarsi 6 - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
787
post-template-default,single,single-post,postid-787,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Per meglio confessarsi 6

Per meglio confessarsi 6

Giubileo Parrocchiale – 26 febbraio 2017

Mercoledì inizia la Quaresima! Per poter fare una buona Confessione, oltre alle cose già viste nelle scorse settimane, è necessario fare anche due promesse. Sono contenute nell’“Atto di dolore”. Ma non basta dirle a parole…

  • Prometto di non offenderti mai più”: già! Ma poi non siamo mai capaci di mantenere questa promessa, sempre gli stessi peccati. E allora? In realtà, per Dio ciò che è importante non è se realmente manteniamo la promessa, ma se, nel momento in cui la facciamo, abbiamo l’intenzione di provarci per davvero. La “verità” di una promessa non sta nel futuro, ma nel presente: mentre la fai, con la tua mente vuoi davvero cercare di rispettarla? Se la risposta è “Sì” (e Dio legge nel pensiero!) allora non dobbiamo temere nulla: la nostra sarà una buona Confessione.
  • E di fuggire le occasioni prossime di peccato”: ma cosa sono le “occasioni prossime”? Un proverbio dice “non si scherza con il fuoco”. Ed è valido anche per la vita spirituale. Sappiamo benissimo che a volte andare in certi luoghi, fare determinate azioni o stare con specifiche persone non ci aiuta a stare lontano dai peccati: se cerco la compagnia di gente che bestemmia dalla mattina alla sera, probabilmente io stesso prima o poi cadrò in quel peccato.

Da quanto non ti confessi? Forse è il caso che questa settimana trovi quindici minuti per venire in Parrocchia a confessarti. Decidi subito giorno e ora!

No Comments

Post A Comment