Comunicato Stampa Associazioni e Aggregazioni Laicali - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
769
post-template-default,single,single-post,postid-769,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Comunicato Stampa Associazioni e Aggregazioni Laicali

Con 12 voti favorevoli e 36 contrari, non passano le due Istanze d’Arengo presentate dalle Associazioni e Aggregazioni Laicali di San Marino-Montefeltro. Sebbene il voto fosse segreto, non è difficile risalire ai nomi di quei pochi Consiglieri che hanno votato a favore della vita e della libertà consapevole delle madri. Erano state tantissime le firme raccolte per sostenere questa iniziativa, quasi il 6% di coloro che hanno diritto di votare nella Repubblica di San Marino. Eppure i Consiglieri hanno preferito seguire altre logiche, piuttosto che quelle del buon senso e della rappresentatività dell’elettorato.
Ecco il Comunicato Stampa:

Coordinamento delle Associazioni e Aggregazioni Laicali
Diocesi di San Marino – Montefeltro

Le associazioni e aggregazioni laicali cattoliche esprimono il loro rammarico per l’esito della discussione e votazione in Consiglio Grande e Generale delle due Istanze d’Arengo da loro presentate lo scorso ottobre, che chiedevano di stabilire il principio primo ed essenziale della dignità e della inviolabilità della vita umana, senza discriminazioni di età, sesso, censo e condizione fisica, dal concepimento fino alla sua fine naturale e che fosse riconosciuto e valorizzato il principio di sussidiarietà nei confronti di associazioni e strutture esistenti nel nostro territorio o nei territori limitrofi per l’assistenza e l’aiuto alle madri in ogni fase della gravidanza.
Le associazioni e aggregazioni firmatarie e promotrici dell’iniziativa sono attive in
molteplici ambiti della vita ecclesiale e della società civile: in quello culturale, educativo di ragazzi, giovani e adulti, di assistenza alle persone in situazioni di povertà nei nostri territori e nel mondo, di cura delle persone diversamente abili, delle vittime della tossicodipendenza, degli anziani e malati, delle gestanti e madri in situazioni di particolare fragilità e solitudine. Questa varietà di carismi e di ambiti d’azione poggiano tutti sullo stesso fondamento: la centralità e la dignità della persona, dalla sua origine nel concepimento fino alla sua fine naturale, al là delle condizioni particolari in cui la vita venga a svilupparsi nel suo corso.
Per questo motivo, a nome degli aderenti delle associazioni e aggregazioni e degli oltre mille cittadini sammarinesi che hanno voluto sottoscrivere ciascuna delle due Istanze d’Arengo non approvate dal Consiglio Grande e Generale, le associazioni e aggregazioni cattoliche riaffermano il loro impegno per una cittadinanza attiva che le porterà ad essere ancora più presenti ed attive nella società per la difesa della vita e la promozione dell’uomo, offrendo idee progettuali e la disponibilità a una collaborazione e confronto costruttivo con tutti.

No Comments

Post A Comment