Per meglio confessarsi 4 - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
746
post-template-default,single,single-post,postid-746,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Per meglio confessarsi 4

Per meglio confessarsi 4

Giubileo Parrocchiale 12 febbraio 2017

Continuiamo il nostro percorso per scoprire come confessarci.

L’ultima volta abbiamo detto quali sono i peccati che occorre dire al sacerdote. Questa domenica, invece, parliamo di cosa non bisogna dire.

A volte, infatti, si scambia la Confessione per la Direzione spirituale o, peggio ancora, per una seduta gratuita dallo psicologo.

In una “buona Confessione” il penitente non dovrebbe parlare più di qualche minuto (5 al massimo). Durante il Sacramento, infatti, bisogna dire solo i propri peccati, senza giustificarsi o aggiungere altre cose. La Confessione è la consegna delle proprie mancanze a Dio per tramite del confessore.

Cosa diversa, invece, è la direzione spirituale che può durare molto di più: essa è un momento di confronto tra un uomo e un altro uomo (un sacerdote che non è Dio!).

Per questo la Confessione va fatta spesso, mentre la Direzione spirituale solo quando se ne ha bisogno.

Se capiamo questa differenza, la prossima volta che sentiremo il bisogno di confessarci, forse, non diremo più: “Vado un’altra volta, perché ora non ho tempo!“.

No Comments

Post A Comment