Per meglio confessarsi 2 - News dalla Parrocchia di Borgo Maggiore
714
post-template-default,single,single-post,postid-714,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Per meglio confessarsi 2

Per meglio confessarsi 2

Giubileo Parrocchiale – 29 Gennaio 2017

La settimana scorsa abbiamo cominciato ad affrontare il tema della conversione personale. L’impegno proposto è stato quello d’imparare a confessarci più spesso.

Ma è davvero così necessario confessarsi?

Diciamocelo senza problemi: tra tutti i sacramenti, quello della Riconciliazione (detto anche Confessione o Penitenza) è il meno amato, in generale. Tante volte è visto come un “andare a raccontare i fatti privati al prete”.

Ma la “Riconciliazione” è tutt’altra cosa: è l’abbraccio di Gesù ogni volta che cadiamo nel peccato! Vi ricordate l’abbraccio dei nostri genitori ogni volta che ci succedeva qualcosa di brutto? In un mondo che addita, allontana, isola, anche insulta chi sbaglia, cade e commette errori, – ditemi! – chi non desidererebbe piuttosto avere sempre al proprio fianco qualcuno pronto ad abbracciarci e coccolarci?

Proviamo ad andare a confessarci questa settimana preoccupati non tanto di far bella o brutta figura col sacerdote, quanto piuttosto tesi e desiderosi di ricevere l’abbraccio di Gesù. Perché questo è il vero senso della confessione.

Vediamo sempre la fila di gente, la domenica, per andare a ricevere l’Eucaristia. Quanto sarebbe bello vedere la fila anche al confessionale: gente in fila per ricevere nient’altro, se non l’abbraccio d’amore di Dio!

No Comments

Post A Comment