Charlie Gard e il neoNazismo. Perchè non possiamo tacere! - Parrocchia di Borgo Maggiore
1223
post-template-default,single,single-post,postid-1223,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Charlie Gard e il neoNazismo. Perchè non possiamo tacere!

Con la cortesia di condividere.

ANNUNCIO della MORTE di #CharlieGard

Comunicato dell’ospedale #GreatOrmondSt

Datato 6 febbraio 1943.

La traduzione dal tedesco…

“Devo comunicarvi il mio rammarico nell’informarvi che il bambino è morto il 22 gennaio 1943 per infiammazione delle vie respiratorie. (…) Egli non aveva fatto alcun tipo di progresso durante il suo soggiorno qui. Il bambino non sarebbe certamente mai diventato utile alla società ed avrebbe anzi avuto bisogno di cure per tutta la vita. Siate confortati dal fatto che il vostro bambino ha avuto una dolce morte”.

La firma è dello psichiatra nazista Ernst Illing ed è indirizzata ai genitori di uno dei tanti bambini assassinati sulla base del programma svolto dai “Reparti Speciali infantili”.

Sia chiaro dunque che quello che accadrà tra qualche ora al Great Ormond Street Hospital di Londra non ha nulla a che vedere con la compassione.

Si chiama Nazismo.

(Cit.)

No Comments

Post A Comment